Torna Indietro

Marketing Automation: l’investimento più redditizio del 2024 per l’eCommerce

La marketing automation avrà un ruolo sempre più centrale nel 2024, perchè permette alle aziende di ridurre i costi e migliorare l’efficienza delle strategie di marketing. Per un progetto di Automation vanno attentamente valutate le proprie esigenze per la scelta della piattaforma, cercata consulenza professionale, pianificati gli investimenti con attenzione e costruite competenze interne. La Marketing Automation si sposa appieno con un futuro che sarà sempre più orientato al data-driven e all’uso dell’intelligenza artificiale, permettendo di sfruttare al meglio i trend emergenti e le opportunità degli eventi chiave.

Approfondiremo queste tematiche con Riccardo Rodella, CEO e Head of Sales & Partnership di Floox, azienda che implementa progetti di Marketing Automation per eCommerce.

Senza dubbio possiamo dire che una delle trasformazioni più rilevanti per il 2024 riguarda l’adozione della marketing automation. Questo strumento si sta rivelando essenziale per le aziende che cercano di ridurre i costi pubblicitari, i quali sono diventati difficili da sostenere a lungo termine. La tendenza è chiara: le aziende si stanno orientando verso piattaforme all-in-one più strutturate, che pur presentando costi di implementazione, canoni annuali e spese di gestione, offrono in cambio facilità d’uso e l’integrazione di tutte le funzionalità di automazione necessarie per un e-commerce.

Queste piattaforme, grazie alla loro capacità di semplificare e ottimizzare le attività di marketing, permettono alle aziende di ridurre notevolmente i costi di mantenimento e gestione nel tempo. L’efficienza migliorata e le evoluzioni delle strategie di marketing diventano così fattori chiave per la sostenibilità e la crescita del business.

Inoltre, sarà fondamentale assicurarsi che ci sia un corretto tracciamento delle attività e una solida formazione sulle piattaforme di marketing automation. L’obiettivo è rendere questo investimento un vero e proprio asset per l’azienda, capace di controllare una parte significativa del fatturato e di generare, in pochi mesi, risultati tangibili in termini di incremento delle vendite. Questo approccio non solo migliora l’efficacia delle campagne pubblicitarie ma contribuisce anche a una maggiore comprensione del ROI e alla capacità di adattare rapidamente le strategie in risposta alle dinamiche di mercato.

Il primo consiglio riguarda la percezione della marketing automation non solo come la scelta di una piattaforma ma come un progetto complessivo. Questo approccio richiede di considerare la marketing automation un elemento integrante della strategia di business, essenziale per ottimizzare le interazioni con i clienti e massimizzare l’efficacia delle campagne di marketing.

In secondo luogo, bisogna essere consapevoli delle proprie esigenze prima di scegliere una piattaforma di marketing automation. Questo significa fare una riflessione approfondita su chi si è come azienda, quali sono gli obiettivi a breve e lungo termine e come la piattaforma può supportare il raggiungimento di questi obiettivi. La chiarezza in questa fase iniziale è determinante per indirizzare le scelte future di progetto.

Terzo, consiglio di non limitarsi alle funzionalità offerte di default dalle piattaforme ma di cercare consigli da esperti del settore. Questi professionisti possono offrire una visione critica sulle potenzialità reali delle piattaforme, suggerire soluzioni alternative o consigliare un percorso di crescita che preveda la scalabilità delle soluzioni adottate, in base al budget disponibile e agli obiettivi di business.

Il quarto punto riguarda la pianificazione degli investimenti in marketing automation come investimenti reali che richiedono un ritorno misurabile. È fondamentale effettuare delle stime accurate, basate su dati e previsioni, per valutare il break even point, il ritorno sugli investimenti pubblicitari (ROAS) e integrare questi strumenti con gli altri canali di traffico per ottimizzare l’allocazione delle risorse.

Come ultimo punto, sottolineo nuovamente l’importanza di farsi affiancare da professionisti esperti nel settore durante l’evoluzione del progetto. Questo non solo facilita un’implementazione più rapida ed efficace del software di marketing automation ma consente anche di internalizzare competenze preziose grazie alla formazione specifica. Costruire un know-how interno rappresenta un asset di valore inestimabile che consente di gestire in autonomia una parte significativa del fatturato, riducendo la dipendenza dagli investimenti pubblicitari.

Sono completamente d’accordo con le previsioni riportate nel documento. 

Tra le presenti, ritengo che ci siano alcuni aspetti focali su cui chi fa marketing automation deve assolutamente concentrarsi in questo anno. 

Uno degli aspetti più critici è senza dubbio la lead generation. In un contesto caratterizzato da costi di acquisizione e di advertising sempre più elevati, diventa essenziale acquisire contatti per poi guidarli verso la vendita attraverso la marketing automation. Questo processo, che prevede di spingere gli utenti alla vendita dopo averli educati e avergli fatto conoscere il nostro brand, rappresenta una strategia cruciale per massimizzare l’efficienza degli investimenti pubblicitari. In questo modo, ogni euro speso in pubblicità diventa molto più produttivo, contribuendo significativamente alla crescita del business.

L’uso dell’intelligenza artificiale rappresenta un altro pilastro fondamentale. L’AI deve essere sfruttata in ogni settore e mansione aziendale, per supportare una crescita a trecentosessanta gradi. Le organizzazioni che integrano efficacemente l’AI nelle loro operazioni saranno quelle che diventeranno più competitive ed efficienti. L’AI può offrire soluzioni innovative per ottimizzare i processi, personalizzare l’esperienza del cliente e analizzare i dati in modi che prima erano impensabili, offrendo un vantaggio competitivo sostanziale.

Non scordiamoci infine dell’influencer marketing, che emerge come un canale di grande potenzialità. Alcune aziende generano la maggior parte del loro fatturato grazie a una rete ben strutturata di influencer, i quali spesso sono retribuiti con una percentuale sulle vendite piuttosto che con un pagamento fisso. Questi hanno la capacità di creare contenuti di alto valore che risuonano profondamente con il loro pubblico. Questo canale va approcciato con serietà, puntando sui micro influencer specifici del settore che possono agire come veri e propri ambassador del brand. Collaborare con queste figure, condividendo la nostra mission e i nostri valori, non solo può incrementare le vendite ma anche rafforzare la fiducia dei consumatori nel nostro brand.

Per scaricare gratuitamente il Report “Prospettive eCommerce 2024” completo di tutti i trend, clicca il pulsante qui sotto “Scarica il Report”:

Nei primi sei mesi dell’anno, l’enfasi deve essere posta sulla misurazione e sulla pianificazione. È il momento di occuparsi dei fondamentali, assicurandosi che la raccolta e l’analisi dei dati siano eseguite correttamente. Un problema comune a molte realtà è la tendenza a mescolare dati incomparabili e disomogenei tra loro, il che può portare a decisioni basate su informazioni fuorvianti. È fondamentale, quindi, dedicare tempo e risorse per stabilire un sistema di misurazione dei dati che sia affidabile e coerente, in modo da poter pianificare gli investimenti in modo strategico e orientato ai risultati.

Nella seconda metà dell’anno, e in particolare nel periodo che va da settembre a dicembre, l’attenzione si sposta sull’anticipazione dei trend emergenti e sulle opportunità legate a eventi chiave come il Black Friday e il Natale. Durante questi mesi, i costi pubblicitari tendono ad aumentare significativamente, rendendo ancora più critica una gestione strategica delle risorse. Per affrontare questa sfida, è vitale lavorare in anticipo sul database, implementando strategie di lead generation ben prima degli eventi chiave. Approfittare di questo momento per arricchire e segmentare il database permetterà di massimizzare l’efficacia delle comunicazioni e delle offerte promozionali, riducendo la dipendenza dalle campagne pubblicitarie in un periodo che sarà di alta concorrenza e costi elevati.

Per scaricare il Report Completo “Prospettive eCommerce 2024”, clicca il pulsante qui sotto “Scarica il Report”: